»  »  » 
Parco Nazionale Del Gargano, un capolavoro della natura

Parco Nazionale Del Gargano, un capolavoro della natura

Il Parco nazionale del Gargano è un'area naturale protetta della Puglia, scoprirai non solo lo splendido paesaggio ma anche la storia dei dinosauri
- ADVERTISING -

Il Parco Nazionale Del Gargano ,si trova nella bellissima regione Puglia, da lontano, può sembrare un'isola lontana quando, al mattino, nel piatto Tavoliere, appare come un miraggio tra cielo e mare. Ma da vicino, questo blocco arcigno e roccioso offre le meraviglie delle sue acque limpide e di una costa tra le più suggestive del Mediterraneo.

Gargano Vieste

Gargano: Un capolavoro della natura

Ora alta e frastagliata, con chilometri di falesie, bianche come il latte, tra Vieste e Mattinata. Ora dolce e accogliente, con le lunghe spiagge di soffice sabbia a Siponto e Pizzomunno.
Ora verde di boschi di pino d'Aleppo, sul Monte Barone, e lucida macchia mediterranea, da Lesina a Varano.
Un litorale traforato da innumerevoli grotte, 128 tra Peschici e Mattinata, e ricco di capolavori naturali come l'architiello di Cala San Felice, gli strapiombi della Testa del Gargano, le baie di Pugnochiuso e delle Zagare con i faraglioni. E' l'aspetto più noto e più ovvio dello Sperone d'Italia.

Cala San Felice

La scoperta dei dinosauri nel Gargano

Ma il promontorio del Gargano è anche altro. La montagna dei dinosauri, per esempio. Hanno scoperto e rivelato 60 impronte delle "terribili lucertole".
Si tratta di una pista fossilizzata che testimonia il passaggio di grandi bipedi tridattili, cioè con zampe a tre dita. Erano sia teropodi del Cretaceo inferiore (130 milioni di anni fa), carnivori alti oltre 5 metri, sia iguanodonti, erbivori pesanti 5 tonnellate e lunghi fino a 9 metri.
Ma non è stata questa l'unica scoperta. Nel febbraio 2001, infatti, sui blocchi di pietra del porto di Mattinata sono state trovate 13 nuove impronte di dinosauri vissuti 100 milioni di anni fa. I massi provenivano dalle cave garganiche, dove d'impronte ce ne saranno altre da scoprire.

Una rivoluzione per la storia geologica del promontorio: tra 150 e 60 milioni di anni fa, il Gargano doveva assomigliare alle attuali Bahamas, con atolli, isolotti e barriere coralline, lo dimostra la costituzione delle sue rocce carbonatiche, quelle degli strapiombi bianchi sul mare, appartenenti alla piattaforma Apula, il banco esteso della Maiella fino al Salento.

La scoperta degli enormi animali, però, significa che doveva esistere un collegamento con ambienti più vasti, come il continente africano o la stessa Europa.
E che quella Apula, più di un arcipelago, doveva essere una penisola. Non sono soltanto i dinosauri, comunque, la novità dei 2100 chilometri quadrati (tale è l'estensione del promontorio) di questo paradiso geologico.

Qui dove il carsismo è imperante (in alcuni tratti si registra una densità di 80 doline, gli sprofondamenti del suolo, per chilometro quadrato) pure l'uomo ha una storia antichissima.

Le grotte del Gargano

Su 600 grotte censite, 52 sono state utilizzate nella Preistoria. La montagna è una vera miniera di giacimenti preistorici, sono stati trovati strumenti di selce, i cosiddetti choppers scheggiati solo una faccia, rinvenuti sulle rive del lago di Varano, fanno risalire a circa 800.000 anni fa la più antica presenza umana.

Rignano Garganico - Foto: Antonio Villani Flickr

Frequentata per millenni, la Grotta Paglicci presso Rignano Garganico conserva cavalli dipinti in ocra rossa e impronte di mani, che testimoniano i riti magico-religiosi.
Si sono ritrovati negli avanzi di pasto i resti di mammiferi oggi estinti (bovidi, cervi, cavalli e asini selvatici) e scoperto lo scheletro di una giovinetta di Cro-Magnon (circa 30.000 anni fa), oltre a incisioni su ossa di 20.000 anni fa.

Ogni anno 10 milioni di turisti visitano il Parco del Gargano

Segnali nuovi e importanti giungono anche dal Parco Nazionale del Gargano. Nonostante gli incendi boschivi, i 200.000 abitanti e i circa 10 milioni di turisti che lo visitano ogni anno (gran parte, fedeli di San Pio da Pietralcina in pellegrinaggio a San Giovanni Rotondo) con i quali si deve misurare, a oltre 6 anni dall'istituzione il bilancio è positivo grazie all'appoggio della gente e si aprono i centri visita, s'inaugurano sentieri (pure subacquei), finanzia campagne di scavo, un caposaldo della preistoria italiana, e si moltiplicano le iniziative economiche amiche dell'ambiente: i giardini di agrumi del Gargano, per esempio, erano abbandonati.

Gargano Peschici - Foto: globetrotter_rodrigo Flickr

Parco Nazionale del Gargano in numeri

Circa il 60% dell'intero promontorio e oltre l'80% della sua costa rientrano nel territorio del Parco, istituito nel 1995. L'area protetta si estende 1.210 Km quadrati e comprende la Riserva marina delle Isole Tremiti e otto riserve statali: Sfilzi, Falascone, Isola Varano, Monte Barone, Foresta Umbra, Bosco d'Ischitella, Lago di Lesina e Palude di Frattarolo.

Località suggestive, mare cristallino , vegetazione lussureggiante, tradizioni, cultura e sapori genuini sono queste le qualità principali del Gargano. Un piccolo consiglio, Per toccare maggiormente con mano e immergerti in questa fantastica atmosfera scegli di soggiornare in una casa vacanza della zona Garganica, per trascorrere una vacanza meno “commerciale” e “vivere” più in profondità questo gioiello della natura, qui puoi vedere i proprietari di case vacanza nel Gargano che hanno inserito il loro annuncio

- ADVERTISING -

Altri utenti hanno letto anche:

- ADVERTISING -

Annunci in zona

- ADVERTISING -