»  »  » 
La storia del Colosseo, simbolo di Roma

La storia del Colosseo, simbolo di Roma

Ecco il Colosseo di Roma il più grande anfiteatro del mondo un monumento maestoso realizzato dopo ben 10 anni di lavori. Ecco le foto.
- ADVERTISING -

Dopo aver visto cosa vedere a Roma in 2-3 giorni, qui ti vogliamo parlare nel dettaglio del Colosseo, il più grande anfiteatro del mondo, situato nel centro della città di Roma.

Colosseo o Anfiteatro Flavio

La costruzione del Colosseo o Anfiteatro Flavio iniziò nei primi anni del regno di Vespasiano (69 d.C.) e fu parte di un programma politico propagandistico ben preciso: sul luogo dove in precedenza sorgeva lo stagno artificiale della casa privata di Nerone- la Domus Aurea-vennero poste le fondazioni dell'anfiteatro, con lo scopo ben preciso di restituire al popolo quelli che erano gli spazi che l'ormai innominabile ed innominato Nerone si era accaparrato.

Gente al Colosseo - Foto: F. Dini Flickr

10 anni di lavori per il Colosseo

I lavori durarono dieci anni e furono completati sotto l'impero di Tito, figlio di Vespasiano; per l'inaugurazione, nell'80d.C., furono sacrificate 500 belve in 100 giorni di festeggiamenti!
Con Domiziano, successore di Tito, si costruirono i sotterranei in muratura e moltissimi furono i restauri nel corso dei secoli, soprattutto a seguito di vari e violenti incendi. L'ultimo spettacolo di cui abbiamo notizia si svolse nel 523 d. C.

Lo sapete che il Colosseo con più di 6,5 milioni di visitatori/anno, è il 2° sito archeologico più visitato al mondo.

La struttura esterna del Colosseo

Si tratta del più grande anfiteatro della romanità ed il primo in muratura dell'Urbs: l'altezza è di circa 50 m ed il diametro maggiore di 188 m!

L'anello esterno, interamente in travertino, è in quattro piani sovrapposti, decorati con semicolonne in ordine rispettivamente tuscanico, ionico e corinzio. L'ultimo piano, cieco, è decorato con lesene anch'esse corinzie. Il restauro ben visibile della cinta esterna fu realizzato con dei contrafforti dal valadier nel 1820.

Al di sopra delle finestre quadrate vi sono delle mensole che servivano per sostenere i pali su cui veniva fissato il velarium (un tendone per fare ombra!) Pensa che esisteva una squadra di marinai - quelli del porto militare di Miseno - addetta alla manovra del velario!

Potrei notare molti fori esternamente lasciati dal saccheggio che si è fatto del ferro del monumento dal medioevo, che non ha risparmiato neanche il travertino.

L'interno del Colosseo

Un tempo si poteva accedere all'interno dalle arcate al pianterreno che davano accesso ai vari settori interni della cavea (spazio destinato agli spettatori) e ogni posto era contrassegnato da un numero riportato sul biglietto d'ingresso (tessera; in realtà l'ingresso era quasi sempre gratuito). Chiaramente esisteva l'ingresso d'onore per la tribuna imperiale e altri per le personalità - magistrati, Vestali, Sacerdoti etc.

Interno del Colosseo - Foto: M. Loheit Flickr

Più si era ricchi e potenti e più si sedeva in basso (i senatori erano i più vicini all'arena e gli unici ad avere sedili in marmo), seguendo l'ordine dei 5 settori sovrapposti in cui era articolata la cavea ed ogni categoria poteva comunque accedere solo ai posti ad essa riservati; sui gradini rimasti, se osservi bene, potrai leggere i nomi delle categorie cui erano destinati i posti.

La visita al Colosseo

L'entrata al Colosseo è oggigiorno obbligata dal servizio di biglietteria. Si attraversano degli ambulacri concentrici coperti da volte a botte che costituiscono la struttura su cui poggia la cavea e si accede all'interno.

Qui puoi acquistare i  biglietti d'entrata al Colosseo

Putroppo ci si accorge che è crollata la maggior parte della struttura interna e le gradinate non ci sono più, così come manca totalmente il piano dell'arena, che probabilmente era in legno. Per quanto riguarda la capienza: gli studiosi oscillano da 40.000 a 87.000 posti

Interno Colosseo - Foto: Ethan Flickr

I sotterranei e l'ultimo anello della cavea in alto; sono chiusi al pubblico per motivi di sicurezza. In realtà basta fare amicizia con qualche custode e magari vi ci porterà.

I sotterranei erano destinati ad ambienti di servizio per ospitare macchinari, gabbie, bestie destinate ai giochi; il tutto dotato di piccoli montacarichi fino al piano dell'arena, chiaramente non conservati ma ipotizzati. Da qui una lunga galleria portava al LUDUS MAGNUS (dall'altra parte della strada, verso via Labicana ne sono ben visibili i resti), ossia la più importante delle caserme dei gladiatori.

Struttura del Colosseo - Foto: T. Pietrini Flickr

Ed ecco l'ultimo anello. Se con tanta fortuna riuscirai mai riuscire a salire in cima potrai godere di uno dei panorami più belli che vi siano su Roma….è qualcosa che toglie il fiato, soprattutto al tramonto.

E da lì ti potrai davvero rendere contro di quanto sia maestosa quest'opera; l'altezza è vertiginosa, l'ampiezza non può essere racchiusa in uno sguardo, la visione del Foro Romano, del Palatino da qui è impressionante e quasi si perde il contatto con la realtà e con il presente, quasi non si percepiscono più quelle che non sono costruzioni della romanità.

Visita al Colosseo - Foto: F. Dini Flickr

Uno tra i piu’ famosi e belli monumenti di Roma, inserito nella lista dei Patrimoni dell'umanità dall'UNESCO, assieme a tutto il Centro storico di Roma, con più di 6,5 milioni di visitatori (nel 2015), il secondo sito archeologico più visitato al mondo, si consiglia di acquistare il biglietto online e evitare così la fila in cassa. 

5 cose che forse non sai..

  • Il Colosseo è stato il set di molti film, ma non è stato girato il film che ne ha celebrato la fama in tutto il mondo: il Gladiatore. 
  • Nel 2007 è entrato a far parte delle 7 meraviglie del mondo moderno
  • Il Colosseo è stato usato come piscina, si tennero anche le nauromachie, rappresentazioni di battaglie navali in acqua
  • Più di 350 specie di piante hanno messo radici tra le rovine, alcune di origine esotica, la crescita sarebbe favorita dal microclima dell'anfiteatro.
  • Il marmo della facciata e di alcune parti del Colosseo sono stati utilizzati per la costruzione della Basilica di San Pietro. Caduto in abbandono, per moltoo tempo fu usato come come fonte di materiali da costruzione.

Dormire a Roma in una casa vacanze

Roma non è solo Colosseo, ma anche molto altro qui puoi scoprire cosa non ti puoi proprio perdere di Roma, passare una vacanza o un soggiorno a Roma ti lascerà un magnifico ricordo da raccontare ad amici o parenti, ti invitiamo a vivere maggiormente l'atmosfera romana soggiornando in una casa vacanza, oltre a risparmiare toccherai maggiormente con mano quello che è "la vita a Roma", qui abbiamo selezionato gli annunci di case vacanza a Roma inseriti direttamente dai Romani che potrai contattare via e-mail o telefono. Dagli un'occhiata! 

Il Colosseo spiegato da Alberto Angela

Prenditi 5 minuti e guarda questo breve video dove Alberto Angela racconta il Colosseo, da non perdere!

- ADVERTISING -

Altri utenti hanno letto anche:

- ADVERTISING -

Annunci in zona

- ADVERTISING -