»  »  » 
L'Isola di San Pietro, paradiso naturale nell'arcipelago del Sulcis

L'Isola di San Pietro, paradiso naturale nell'arcipelago del Sulcis

- ADVERTISING -

L’Isola di San Pietro è una delle due isole principali dell’arcipelago del Sulcis, posto nella parte sud-occidentale della Sardegna. L’isola è di origine vulcanica e presenta una parte di costa alta e frastagliata ed una parte più bassa, dove tra l’altro è presente l’unico centro abitato dell’isola, il comune di Carloforte.
L’Isola di San Pietro non ha rilievi molto alti, infatti le cime più alte sono il Monte Guardia dei Mori (211 m.s.l.m.) ed il Bricco Tortoriso (208 m.s.l.m.); inoltre ha la particolarità di non avere corsi d’acqua.
 

FLORA E FAUNA A L'ISOLA DI SAN PIETRO
La vegetazione presente è quella tipica della macchia mediterranea, caratterizzata da arbusti bassi e cespugliosi come il cisto, il mirto ed il lentisco. Sui terreni prevalentemente rocciosi si trova una profumata erba utilizzata anche in erboristeria per preparare vari prodotti di bellezza, ovvero l’elicriso. Gli unici alberi presenti sono il pino d’Aleppo ed il leccio, piante tipiche della macchia mediterranea, ben adattate ad un clima caldo e con scarse precipitazioni atmosferiche. Tra la fauna presente si annoverano delle specie di uccelli rare, che rappresentano un po’ il fiore all’occhiello del luogo. In primis bisogna menzionare il Falco delle regina che sverna in Africa e si reca qui per riprodursi; inoltre negli stagni ci sono nutrite colonie di fenicotteri, splendidi uccelli dal piumaggio rosa.
 

AMBIENTE E NATURA ISOLA DI SAN PIETRO
La parte nord-occidentale dell’isola è quella rimasta maggiormente selvaggia ed incontaminata. La costa è per lo più alta e caratterizzata da falesie strapiombanti nelle acque cristalline; tra tutte una delle più suggestive è la falesia del golfo del Becco, popolata da cormorani e di difficile accesso via terra. Un’altra scogliera spettacolare è La Mezzaluna dove ci sono tante grotte tutte da scoprire. E’ possibile raggiungerla tramite una piccola imbarcazione e ci si può immergere in un mare da favola. La bellezza del luogo è tale da essere stato utilizzato questo magnifico sfondo per girare un noto spot televisivo nel 2001 dove l’incantevole protagonista Megane Gayle si tuffa in acque cristalline.
Spostandosi nella zona sud dell’isola si può fare il bagno in una piscina naturale protetta da alte pareti che permettono all’acqua di rimanere calma anche in presenza di vento. Denominata La Conca viene continuamente riempita da acqua salata tramite uno stretto passaggio che la collega direttamente al mare.
 

GROTTE
La geologia dell’isola e l’incessante lavoro delle onde marine hanno creato numerose grotte disseminate un po’ lungo tutto il perimetro dell’isola. Quelle principali possono essere visitate tramite piccole imbarcazioni che possono entrare nelle grotte purché a motore spento. Brevemente vengono descritte le principali.
La Grotta del pulpito
E’ una delle meno conosciute, ma non per questo meno bella. L’entrata è costituita da uno stretto passaggio, mentre all’interno la grotta si va allargando. Da una fessura posta in alto filtra della luce permettendo alla grotta di non rimanere completamente al buio. I colori del fondale sono variabili in quanto risulta sabbioso, per cui a seconda se le acque sono calme o agitate, apparirà più e meno limpido.
La Grotta di Punta delle Oche
Si trova nella parte nord dell’isola e viene così chiamata in quanto nei pressi della suddetta grotta volteggiano sempre numerosi gabbiani. L’apertura è ampia ed interrompe un salto della roccia di una ventina di metri.
Le Grotte della Mezzaluna
La Mezzaluna, come già accennato, è un’alta falesia a picco sul mare ed ai suoi piedi si aprono diverse grotte. Sono probabilmente tra le più belle e suggestive di tutta l’isola, grazie all’acqua particolarmente limpida.


PARTICOLARITA’ DA VEDERE SULL’ISOLA
Oltre alle piscine naturali ed alle alte falesie strapiombanti in mare, meritano di essere viste le saline, situate nei pressi dell’unico centro abitato dell’Isola di San Pietro, i Nuraghe, antiche costruzioni risalenti alla civiltà nuragica (circa 2.000 anni a.C.) e l’Oasi di protezione istituita dalla LIPU presso Carloforte.
Passeggiando per l’isola, godendosi la natura ed il silenzio che regnano sovrani, ci si potrà imbattere in qualche strana roccia modellata dall’azione del vento e dagli agenti atmosferici. Usando la fantasia si potranno vedere le forme più stravaganti, ma alcune obiettivamente assumono forme che richiamano animali o piante. Il fungo di pietra è la roccia che simbolicamente rappresenta questo fenomeno naturale assolutamente affascinante.


CENNI SU CARLOFORTE
Carloforte è l’unico comune presente sull’isola ed è composto da nemmeno 7.000 abitanti; è situato poco distante dalla costa sarda, in un contesto naturale di rara bellezza, tra macchia mediterranea ed alte scogliere che si tuffano in un mare cristallino. Il piccolo centro abitato è talmente grazioso che è stato inserito nella lista de “I borghi più belli d’Italia”.
 

- ADVERTISING -

Altri utenti hanno letto anche:

- ADVERTISING -

Annunci in zona

- ADVERTISING -