»  »  » 
La perla delle Dolomiti: Cortina D' Ampezzo ecco quello che c'è da sapere

La perla delle Dolomiti: Cortina D' Ampezzo ecco quello che c'è da sapere

Cortina D'Ampezzo definita da tutti la perla delle Dolomiti per la sua infinita bellezza paesaggistica ecco delle fantastiche foto che spiegano tutto.
- ADVERTISING -

Cortina D'Ampezzo definita da tutti la perla delle Dolomiti, di queste montagne che la circondano la vera regina indiscussa per la sua infinita bellezza paesaggistica!

Cortina d'Ampezzo

Cortina D'Ampezzo è contrasto tra alta stagione, con il suo flusso continuo di gente, il suo caos di turisti nelle vie del centro e la tranquillità dei periodi di "magra" quando gli impianti sciistici chiudono, gli albergatori ristrutturano i loro edifici e tutto sembra sonnecchiare per risvegliarsi più vivo e sfavillante di prima.

Cortina D'Ampezzo è il luogo preferito dai Vip... è moda, è mondanità e divertimento, è alberghi 5 stelle e vita da star.... Cortina ti permette di sentirti in un sogno.

Cortina d'Ampezzo sotto la neve - Foto: F. Dini Flickr

Se non sai dove soggiornare in questa pagina abbiamo selezionato vari annunci di case vacanza in Veneto, gli annunci sono inseriti dai rispettivi proprietari che potrai contattare direttamente via e-mail o telefono.

Cultura e eventi a Cortina D'Ampezzo

Cortina D'Ampezzo è arte e cultura, sempre più spesso vengono organizzati eventi culturali di pregio con interventi di personaggi di rilievo nel campo della cultura, e le esposizioni sono diventate appuntamenti fissi per appassionati di tutto il mondo.

La Cortina sportiva significa anche:

  • gare di sci di fondo,
  • motainbike e di corsa campestre;
  • le discese mozzafiato sulle piste delle Tofane, del Cristallo, del Faloria e delle 5 Torri.

In questi ultimi è anche la Cortina delle discoteche esclusive, delle feste con invito, delle passeggiate in Corso Italia per uno shopping esclusivo; l'aria fresca che si respira sui passi Dolomitici come il Falzarego, Cima Banche e Tre Croci, si vivono le sue stagioni, la primavera pazzerella con continue e inaspettate pioggerelline frizzanti, l'estate mondana con i prati verdi, curati e dai colori accesi, l'autunno dai mille colori, gli alberi che diventano gialli, i prati che sbiadiscono e le prime nevitate, l'inverno, la stagione principe con le sue abbondanti nevicate, il paesaggio avvolto nel bianco candore della neve, il freddo pungente sulle guance.

Cortina d'Ampezzo - Foto: H. Porochelt Flickr

Storia di Cortina D'Ampezzo

Cortina D'Ampezzo fino ai primi del '900 era un piccolo paese di montagna che contava poche case isolate con al centro una chiesa. Ma da alcuni ritrovamenti i ricercatori ipotizzano che il territorio Ampezzano fosse popolato già nell'età della pietra da cacciatori probabilmente nomadi, che si spostavano sui monti nei periodi più caldi per procurarsi il cibo, questa ipotesi è stata supportata soprattutto dal ritrovamento, verso la fine degli anni ottanta, in località Mondeval, nella vicina Selva di Cadore di uno scheletro di un uomo morto quasi 10.000 anni fa. Altri ritrovamenti dimostrano la presenza unana anche nei periodi successivi come quello del bronzo.

Cortina d'Ampezzo

A Cortina D'Ampezzo come in tutto il territorio del Cadore si possono trovare tracce della dominazione Longobarda, ciò è stato dedotto dal fatto che nella zona esistessero le "Regole", ancora oggi esistenti e volte a "regolare" la proprietà dei pascoli e dei boschi della Valle.

Intorno alla metà del '400 tutto il territorio ampezzano e cadorino facevano parte della Repubblica Veneta e dipendeva strettamente da Venezia, questo fino agli inizi del '500 quando l'austia dichiarò guerra a Venezia e conquistò il territorio della valle d'Ampezzo che venne annesso all'Austria. Cortina, infatti fu austriaca fino al 1918, cioè fino alla fine della Grande Guerra!

Quando nel 1914 scoppiò la Prima Guerra Mondiale, Cortina e i suoi abitanti vennero chiamati a difendere il territorio con l'esercito Austiaco, fu un periodo tragico per la conca Ampezzana, inquanto Cortina si trovava in un punto strategico di confine con passi alpini e montagne sulle quali il combattimento è stato aspro e per molti abitanti mortale.

Numerore sono ancora oggi le trincee visitabili e i forti, in un percorso che ripercorre uno dei periodi più tragigi della vallata come la Galleria del Lagazuoi che misura più di 1000 metri. In quegli anni gli abitanti della valle non arrivavano nemmeno a 4000 e i morti furono più di 200!

Dopo la fine della grande guerra, come detto Cortina d'Ampezzo venne annessa al Regno d'Italia. La seconda guerra mondiale che coinvolse l'Italia dal 1940 non ebbe gli stessi effetti disastrosi del primo conflitto mondiale, ma portò comunque ad un periodo di povertà e di duri scontri soprattutto verso la fine della guerra tra i partigiani e l'esercito, ma venne risparmiata dal fuoco delle bombe perchè destinata a città ospedaliera.

Dopo la seconda guerra mondiale e la ripresa economica Cortina iniziò a costruirsi il suo fascino e la sua importanza come meta turistica di star del cinema e magnati della finanza.

Il periodo d'oro dell'Ampezzano sono stati gli anni 50 e 60 con il grande impatto che ebbero i giochi olimpici invernali di Cortina 1956 e che fece conoscere al mondo intero una Perla tra le cime Dolomitiche.

Video panoramico sulla Perla delle Dolomiti

Un video brevissimo realizzato con un drone che mostra tutta la bellezza di Cortina D'Ampezzo ripreso dall'altro

 

- ADVERTISING -

Altri utenti hanno letto anche:

- ADVERTISING -

Annunci in zona

- ADVERTISING -