»  »  » 
Ospedale Ca Granda UniversitÓ Statale Di Milano

Ospedale Ca Granda UniversitÓ Statale Di Milano

In via Festa del Perdono troviamo il Ca' Granda (Video) antica sede dell'Ospedale Maggiore, un magnifico palazzo di mattoni rossi, con le finestre più belle di tutta Milano. La fondazione risale al 1° aprile 1456, e il fondatore è proprio il primo degli Sforza, quarto duca di Milano: Francesco Sforza, che commissionò a tale Antonio Averulino soprannominato il Filarete di disegnar il progetto. La creazione del Filarete doveva occupare un rettangolo di 240 m. per 96 m.; era diviso in tre corpi con un cortile nel mezzo, ornato di cupole, frontespizi, corpi sporgenti e scale.

Non resta molto del progetto originale: la divisione in tre corpi, il grande cortile nel mezzo, ma non le arcate e i decori. I lavori vennero portati avanti da Guiniforte Solari, e per dieci anni dallo stesso Filarete. La parte ora esistente ha un fronte lineare di oltre cento metri, e un'area di diecimila metri quadri. Nel 1624 venne fatta costruire la chiesa grazie al lascito di un ricco cittadino: Pietro Carcano, che alla sua morte lasciò all'ospedale tutte le sue ricchezze. Gli archivolti sono ornati da foglie e di perle di terracotta. Al centro dei pennacchi c'è un busto o una medaglia, la cui decorazione risale al 1871, ed è composta da teste preparate già due secoli prima per continuare la costruzione in modo uniforme. Alla fine del 1700 venne costruita la parte a sinistra, sempre grazie ad una donazione testamentaria. Venne ultimata nel 1805. I bombardamenti del 1943 danneggiarono tutta la struttura del Ca' Granda, che venne ricostruita con i materiali originari.

Per dare un breve cenno, l'università milanese nacque solo nel 1924 ed il primo rettore fu Luigi Mangiagalli, sindaco di Milano che già nel 1906 aveva istituito l'Accademia scientifico-letteraria e gli istituti clinici di perfezionamento. L'inaugurazione avvenne l'8 dicembre 1924 con le facoltà di Giurisprudenza, Medicina e Chirurgia, Scienze matematiche, fisiche e naturali. Le facoltà scientifiche vennero ospitate nella zona a est di Milano, dando poi il nome Città Studi a tutto il quartiere, mentre le facoltà umanistiche vennero ospitate in un palazzo comunale in corso di Porta Romana. L'Università degli Studi prese il posto dell'Ospedale Ca' Granda solo alla fine della seconda guerra mondiale, dopo la ricostruzione. L'attuale struttura ospita 9 cortili, 8 minori e il grande cortile d'Onore del 1600, chiamato Filarete in onore del primo progettista architetto. Dal versante a sinistra, quello nuovo, sono giunti a noi 3 cortili, che mantengono i vecchi nomi: Cortile Ospedale, Cortile del 1700 e Cortile Pesci. Il quarto è ora occupato dall'Aula Magna dell'Università degli Studi. Nell'ala a destra del "Filarete" abbiamo quelli che potremmo definire dei magnifici chiostri, così nominati: Cortile Ghiacciaia, Cortile Legnaia, Cortile Farmacia, Cortile Bagni. I più suggestivi restano attualmente i cortili Legnaia e Ghiacciaia, varcandoli infatti si avrà la sensazione di tornare in pieno Rinascimento.

Inoltre di recente, in seguito a dei lavori di ampliamento svolti in questi due spazi, (l'intenzione era di creare un nuovo spazio per aule studio) sono stati rinvenuti dei reperti risalti all'epoca Paleocristiana. I ritrovamenti sono stati liberati, e ora sono ben visibili, protetti e tutelati. Per le visite: L'università è aperta dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 19:00

Altri utenti hanno letto anche: