»  »  » 
Passeggiata enogastronomica a Francavilla Bisio

Passeggiata enogastronomica a Francavilla Bisio

- ADVERTISING -

Francavilla Bisio è un piccolo centro di appena 400 abitanti, situato nel Monferrato Ovadese, in provincia di Alessandria. Sorge ad un’altitudine di 160 metri, sulla sponda destra del torrente Lemme, affluente dell’Orba.

ECCELLENZE ENOGASTRONOMICHE
La particolare conformazione del territorio limitrofo al centro cittadino ha fatto si che Francavilla Bisio divenisse un centro vocato all’agricoltura. In particolare le viti ricoprono un ruolo di primo piano, infatti permettono di raccogliere uve pregiate dalle quali si ottengono vini D.O.C. come il Gavi, il Barbera ed il Dolcetto.

Tanti sono gli eventi e le sagre che vengono organizzati durante il corso dell’anno ed ogni volta le specialità gastronomiche locali, accompagnate dai suddetti vini, allietano le giornate di festa insieme a tanta buona musica.

Tra luglio ed agosto vengono organizzate serate in “onore” del Raviolo, primo piatto servito col classico sugo, oppure al vino o ancora semplicemente scolato ed adagiato nei piatti... per dirlo con le parole degli abitanti di Francavilla Bisio “a culo nudo”. Tra i secondi primeggiano il bollito misto con bagnetto ed i salamini piemontesi al vino bianco. Infine non si possono non citare gli straordinari dolci, primi fra tutti i canestrelli. Le sagre si susseguono di mese in mese, così ad esempio ad ottobre è possibile partecipare al “Merendone d’autunno” con castagne, frittelle dolci e salate e tante altre specialità.
 

COSA VISITARE A FRANCAVILLA BISIO
Francavilla Bisio rappresenta sicuramente una gita fuoriporta giornaliera molto piacevole per chi ama assaggiare sapori e cibi tradizionali. Allo stesso tempo si possono visitare alcuni monumenti di grande interesse, primo fra tutti il castello di proprietà del Conte Cesare Giriodi Panissera di Monastero.
Il castello si erge alto sopra al centro abitato e anche se è di proprietà privata e visitabile solo dall’esterno, rappresenta sicuramente una visita interessante e suggestiva.

Del castello si parla già in un documento del 1127, ma la sua origine precisa non si conosce. Nei secoli si susseguirono diversi proprietari che modificarono ed ampliarono la struttura originaria. Gli interventi più massicci si eseguirono nel corso dell’Ottocento, quando la moda del momento suggeriva di rievocare atmosfere medievale. Così ad oggi si presenta con un massiccio corpo centrale di forma quadrata con addossata una torre.
Sempre nell’Ottocento vennero riproposti i merli pseudo-ghibellini, eleganti bifore ed un ponte levatoio, per richiamare il più possibile atmosfere medievali.
Durante la seconda guerra mondiale il castello, vista la posizione strategica in cui si trovava, divenne sede del quartiere generale dei tedeschi e ancora ad oggi all’interno si possono notare la tracce lasciate dalle truppe, come scritte in tedesco sulle pareti a disegni ispirati all’iconografia hitleriana.

Se all’interno non si può accedere, è possibile invece passeggiare per il parco dove è situato  l’antico oratorio di San Giuliano, interessante edificio religioso realizzato in stile barocco. All’interno di questa bella area verde ci sono diverse abitazioni che un tempo erano occupate dalla servitù, ma purtroppo oggi si trovano in uno stato conservativo pessimo e necessitano di urgenti interventi di restauro.

Oltre al castello a Francavilla Bisio si può visitare la Chiesa Parrocchiale di Santa Maria delle Grazie e la Villa patrizia di Bisio recentemente ristrutturata. La Chiesa di Santa Maria delle Grazie è una costruzione recente, realizzata intorno al 1950 ed esteriormente richiama il castello, con l’utilizzo dello stesso rosso mattone. Per la sua costruzione ci si è ispirati allo stile romanico (per cui si può parlare di un “romanico moderno”) e all’interno si presenta suddivisa in tre navate con un bell’abside affrescato. All’esterno nel 1983 venne affiancata dal campanile.
La villa patrizia che è visibile in località Bisio è stata recentemente ristrutturata. Fino agli inizi del ‘900 Bisio rappresentava un Comune a sé, ma intorno agli anni ’20 venne accorpata con la vicina Francavilla per formare un unico comune denominato da allora Francavilla Bisio.
 

COME ARRIVARE A FRANCAVILLA BISIO
Per raggiungere il borgo di Francavilla Bisio si può percorrere l’autostrada A26 Genova-Alessandria uscendo al casello di Ovada; da lì si prosegue lungo la strada statale seguendo le indicazioni per Francavilla. In alternativa si può percorrere l’autostrada A7 Genova-Milano.
 

- ADVERTISING -
- ADVERTISING -

Annunci in zona

- ADVERTISING -